Questo sito utilizza cookies tecnici per agevolare la navigazione e senza scopo di rintracciamento.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Non categorizzato

esclusivo

pagina riservata al dirigente scolastico

Si può mandare da qualsiasi server senza passare da aruba (per es. direttamente da   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) delle comunicazioni a gruppi del personale della scuola ECG

(fare un copia e incolla dell'indirizzo e inserirlo sulla propria pagina abituale delle email)

a tutti i docenti:   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

alle commissioni  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ai coordinatori casaregis   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ai coordinatori galilei     Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ai coordinator einaudi    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ai tutor        Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

QUALUNQUE PERSONA DELL'ISTITUTO ECG E' RAGGIUNGIBILE DIGITANDO

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(ovviamente se si scrive dal proprio server, es. qello di libero, comparirà quell'indirizzo, se ci si vuol servire di quello istituzionale ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) bisognerà utilizzare quello di aruba

 

 

 


 

Per entrare nella piattaforma moodle e vedere lo stato delle attività

http://www.ecg-genova.gov.it/moodle/

LOGIN IN ALTO CON QUESTE CREDENZIALI:

user dirigente

pasw Dirigente-2016

passare poi a my home (a sinistra nell'indice in alto) dove ci sono i corsi in cui i docenti del corso stesso si sono ricordati di abiltare l'ingresso al dirigente ( i corsi sono chiusi per cui ogni docente deve dare l'accesso agli utenti).  Basta chiedere al docente di essere iscritto inviandogli una mail.

 


 

 

 PUBBLICARE SUL SITO UNA NEWS (CHE POTREBBE RIMANDARE A UNA CIRCOLARE)  NEL RIQUADRO SCORREVOLE E INDIRIZZARLA SPECIFICATAMENTE A GENITORI, DOCENTI,  STUDENTI O ATA.

 Si va a su nEws a sinistra nell'indice comunicazioni. In fondo click su "NUOVO". Inserire il titolo e nel riquadro il testo, LASCIARE INVARIATI I DATI DI PUBBLICAZIONE e andare in fondo sulle parole chiave e digitare docenti, studenti, ata, genitori o una voce solo se si vuole che la news appaia anche nella sezione a loro dedicata ( menù orizzontale in alto.)

 

Piano Triennale di formazione

Piano Triennale di formazione

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Piano Triennale di formazione.pdf)Piano Triennale di formazione.pdf 895 Kb

FOCUS2017

 TIZIANO TERZANI: L'ECONOMIA:

 https://www.youtube.com/watch?v=n61VzOixOnA

 

I GIOVANI HANNO ABBANDONATO LA POLITICA?

Da quanto è emerso discutendo tra noi i giovani non hanno abbandonato l'interesse per la  politica ma un modo di intenderla basato sulla competizione come fosse tra squadre di calcio, . La politica è FARE L'INTERESSE COMUNE rispettando i vari punti di vista ma non gli egoismi. E qui sta appunto quanto i giovani rifiutano: fare politica per guadagnarre, avere privilegi, sentirsi importanti (basta prime donne e papaveri tracotanti ma buoni impiegati che fanno bene il loro mestiere senza dar spettacolo!!!)  sporcarsi le mani facendo affari, piazzare parenti e amici. Bisogna insomma cancellare il modo di intendere  la politica, applicare delle regole di onestà rigorose sèprattutto per quanto riguarda la corruzione che sta soffocando l'Italia e le prospettive dei giovani.

Tra le cose che più si vorrrebbero applicare sono emerse queste tre:

Rendere nella giustizia la certezza della pena cominciando ad eliminare nell'appello il limite  dellla pena dato nel processo di priimo grado. Se c'è il pericolo di vedersi aumentare la pena chi ha commesso reati e già gli è andata bene non chiede certo l'appello dove potrebbe avere una batosta. Ma poichè non si perde niente tutti lo chiedono ingofando i processi. In Francia dove non c'è questo inghippo  gli appelli sono 5 volte di meno che da noii!

Chi fa politica deve essere regolarmente messo alla prova dalle forze dell'ordine con attori che cercano di corromperli. Se si lasciano corrompere manette! Insomma chi fa politica deve essere integerrimo e non pensare che l'occasione fa l'uomo ladro!

Fare politica non deve arricchire, deve essere una sorta di servizio civile per un tempo limitato. Anzi a rotazione una parte dei politici può essere scelto a caso tra i vatri settori (giudici, insegnanti, medici eccetera, laddove corrisponde un ministero). Uno deve guadagnare come prima, solo i trasferimenti verrebbero pagati.

Il voto di scambio politico-mafioso no dovrebbe essere ipotizzato in una società civile che ha cuore il bene comune, per questo non essendoci una reale volontà di realizzare questi principi morali i giovani stufi di sentire solo parlare pensano piu che altro a realizzare cose buone partendo da loro stesso invece che romuonìvere una politica di tante parole e pochi fatti

 

 

 

ECONOMIA: LA FOLLIA DI PENSARE A UNA CRESCITA E A UNO SVILUPPO ILLIMITATO.

1) La popolazione mondiale aumenta di 80 milioni l'anno e stiamo raggiungendo gli otto miliardi di abitanti. Questo significa più richiesta di cibo, più distruzione delle risorse, più inquinamento.

2) Le risorse naturali di ogni genere sul pianeta dimunuiscono, da quelle alimentari come i pesci, a quelle minerarie a causa della sempre maggiore richiesta di cibo e utilizzo.

3) Gli spazi naturali dimunuiscono sotto l'allargarsi della popolazione, sempre più cemento e inquinamento, sempre meno ossigeno e puirificazione dell'aria.

Questo cosa  significa? Che poiche le risorse di un pianeta sono limitate e destinate a finire la crescita e lo sviluppo sono destinati a fermarsi e a collassare. Quando si arriverà all'ultimo giorno anche i politici abituati a ragionare su quanto non avviene al di là del proprio naso oprobabilmente lo capiranno.

 Fermo restando i dati oggettivi considerati in questi punti, dalla nostra discussione sono emerse queste domande: E' possibile controllare le nascite a livello mondiale? Con 2 figli al massimo la popolazione potrebbe stabilizzarsi, il principio è che meno si è piu si sta bene avendo piu risorse. Bisogna incentivare le adozioni e una procreazione responsabile.

 

IN UN PAESE SOVRAPPOPOLATO E CEMENTIFICATO COME IL NOSTRO DOVE OGNI ANNO LA POPOLAZIONE AUMENTA DI QUALCHE CENTINAIO DI MIGLIAIA DI UNITA'  A CAUSA DELL'iMMIGRAZIONE (L'ISTAT FA I CALCOLI SOLO COI CITTADINI ITALIANI CHE  SONO IN LIEVE CALO E NON CON LA POPOLAZIONE REALE) E IL TERRITORIO VIENE EROSO DAL CEMENTO DI DECINE DI CENTINAIA DI MIGLIAIA DI ETTARI, HA SENSO LANCIARE UNA CAMPAGNA PER L'INCREMENTO DEMOGRAFICO? QUALI PREOCCUPAZIONI NASCONDE?

A) UNA FORMA DI NUOVO RAZZISMO? L'italia diventa sempre più popolata da persone non autoctone (originarie del luogo) e diminuisce leggermente il numero di "ialiani di razza". 

B) UN PROBLEMA DI RELIGIONE? Con gli immigrati provenienti soprattutto dalle zone isamiche auentano i musulmani a scapito dei cattolici

C) L'esatto contrario delle due tesi precedenti. Attraverso i dati ISTAT che presentano la popolazione dei cittadini italiani regolari in live calo, si cerca di far pressione per dare una cittadimnanza in massa agli immigrati.

 Sotto l'immagine che ha fatto tanto discutere: tra  i compagni da abbandonare ben evidente la pesona di colore!

PIU' L'AMBIENTE E' SOVRAPPOPOLATO PIU' E' DIFFICILE DA CONTROLLARE, PIU' AUMENTANO I CRIMINI. LA SOLUZIONE NON STA IN UNA CORSA A CHI FA PIUì FIGLI MA AL CONTRARIO CON UNA ATTENTA REGOLAMENTAZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DELLE PERSONE NEL TERRITORIO CON I DOVUTI FILTRI ALL'IMMIGRAZIONE (SOLO NEL CASI DI PERSONE CHE FUGGONO DA SITUAZIONI DI GUERRA E DI CUI SI ACCERTA L'ASSENZA DI CRIMINALITA', come vuole del esto il regolamento europeo)

 

IL DNA CHE CAMBIA CON IL MUTARE DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI.

IL

 

 

Luomo ha centuplicato il danno di quelle sostanze velenose che si trovano in natura o creandone di nuove (come il ddt) che a differenza degli altri composti naturali non si scompongono ma rimangono nell'ambiente e negli stessi organismi. insomma di sano non c'è più niente e perfino si comincia a vendere la terra non contaminata da sostanze chimiche, cosiddetta biologica, Tra le ultime notizie divulgate da Galileo- telegiornale della scienza del 29/1/2017 e dall'Ansa (vedi link) mangiare pesce diventerà sempre più pericoloso a causa del mercurio le cui concentrazioni nella sua carne aumenta anno dopo anno a causa dell'inquinamento chimico. Dalla rivoluzione industriale si calcola che sia aumentato fino a 500 volte!

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/clima/2017/01/29/con-cambiamenti-climatici-mercurio-fino-a-7-volte-nei-pesci-_3cf36423-4e94-468b-85a3-22730d58204d.html

 

 

NON VOGLIAMO UN PIANETA CHE DIVENTI  UNA FOGNA UMANA A COMINCIARE DALLA PASTICA

Fra 30 anni ci saranno negli oceani più materiali di plastica che pesci (da Leonardo, giornale della scienza, rai scuola, 17/2/2017). Già ora ci sono estensioni di miglia di km negli oceani in cui galleggia un "pak" di plastica di ogni genere... e i suoi frammenti vengono ingeriti dai pesci quindi da noi che li consumiamo

Per inquinamento causato dalla plastica si intende la dispersione e l'accumulo di prodotti plastici nell'ambiente causando problemi all'habitat di fauna e flora selvatica così come all'habitat antropizzato. Tale tipo di inquinamento interessa il suolo, i fiumi, i laghi e gli oceani.

L'importanza e la rilevanza di questo tipo di inquinamento è dato dalla economicità della plastica e dalla sua alta durabilità nel tempo e quindi alla produzione di grandissimi quantitativi della stessa per i più svariati usi.

Sono state promosse politiche di riduzione e riciclo dei materiali plastici al fine di ridurre questo tipo di inquinamento.

in particolare nei mari italiani leggi l'articolo del CORRIERE http://www.corriere.it/ambiente/15_luglio_17/gomme-reti-plastica-inquinamento-mare-mediterraneo-18b911d0-2c89-11e5-94f7-9449122e9ae1.shtml

L'talia multata in continuazione perc hè non ottempera le direttive europee sull'igiene ambientale http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/22/ue-dalla-pubblica-amministrazione-alle-fogne-5-nuove-procedure-dinfrazione-contro-litalia-la-piu-multata-deuropa/3405793/

 

SPUNTO PER UNA LEZIONE MAGISTRALE DI ECONOMIA POLITICA E DI DIRITTO.

L'ECONOMIA N ON DECOLLA A CAUSA DELLA CORRUZIONE? Logica vuole che l'Italia potrebbe di colpo cambiare volto (la cosa più tria e ritria che sento da decenni dai politici è la promessa al cambiamento, ...) se solo si applicasse una semplice disposizione.  Chi fa politica, compreso le stesso presidente, sarà soggetto a prove che ne verifichino l'onestà. La polizia si servirà di suoi attori che cercheranno di offrire soldi e vantaggi ai politici in cambio di aiuti.... se si lascieranno corrompere: manette! Serviamoci anche della logica per mettere la politica davanti a se stessa:  ci sono due proposizioni: "il politico deve essere integerrimo" e "l'occasione fa l'uomo ladro". Se i politici rifiutano la verifica di cui si parlava in quale proposizione delle due credono? E' un tema lanciiato da diversi giudici da Davigo a cantone alla riflessione delle giovani generazioni affinchè sappiano rimediare agli errori di chi avrebbe dovuto costruire per loro una società giusta...

 

NOTA-PRIVACY

"Istituto di Istruzione Superiore Einaudi Casaregis Galilei di Genova - GE" garantisce che il trattamento dei dati, che dovessero pervenire via posta elettronica o moduli elettronici di registrazione, è conforme a quanto previsto dalla normativa sulla privacy ai sensi del Decreto legislativo 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali e alla Raccomandazione 17 maggio 2001, n. 2 per la raccolta di dati on-line nell'Unione Europea a cura del Gruppo di lavoro ex Articolo 29 Direttiva 95/46/CE.

"Istituto di Istruzione Superiore Einaudi Casaregis Galilei di Genova - GE", titolare del trattamento dei dati, fornisce agli utenti che si collegano a pagine web del sito, le seguenti informazioni. L’interessato, letta l’informativa sotto riportata, accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati, nelle modalità sotto indicate.

 

Dati di navigazione

A fini statistici vengono registrati alcuni dati relativi all'accesso al sito quali l’indirizzo di protocollo internet (IP), il sistema operativo utilizzato dal computer dell’utente, il tipo di browser, ecc.

Tali dati possono essere pubblicati sul nostro sito sotto forma di informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e utilizzate per verificare il corretto funzionamento del sito. Inoltre, ai fini dell'accessibilità sono impiegati cookies per registrare le preferenze dell’utente: il cambio sfondo, dimensione font, etc. L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione dell’utente provoca la sola perdita delle impostazioni di visualizzazione del sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né per il tracciamento degli utenti.

 

Dati forniti volontariamente dall'utente

La raccolta di dati personali individuali (nome, posta elettronica, indirizzo, ecc) tramite il presente sito e finalizzata a fornire un servizio è accompagnata di volta in volta da specifiche informative di sintesi (disclaimer) che contengono le informazioni previste per legge (responsabile del trattamento, finalità, natura obbligatoria o facoltativa del dato, destinatari dei dati raccolti, diritto di accesso e rettifica, periodo di conservazione dei dati, possibilità di cancellazione dall’iscrizione). Il mancato inserimento di dati obbligatori da parte dell’utente comporta l’impossibilità di erogazione del servizio richiesto. I dati registrati potranno anche essere utilizzati per rapporti statistici sulla nostra attività.

 

Modalità del trattamento

I dati sono trattati principalmente con strumenti elettronici e informatici, memorizzati sia su supporti informatici che su supporti cartacei nel rispetto delle misure di sicurezza. Il Comune di Narni adotta misure di sicurezza tecniche e organizzative al fine di garantire la sicurezza dei dati, quali l’utilizzo di firewall, impianti server sicuri, criptaggio, un’attenta selezione dei soggetti incaricati del trattamento e altre ragionevoli misure di natura tecnica atte a garantire una tutela adeguata dei dati personali dell’utente contro l’utilizzo o la divulgazione non autorizzata degli stessi.

 

Diritti dell’interessato

In relazione al presente trattamento di dati personali, ai sensi dell’art. 7 - Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti, Decreto legislativo 2003, n. 196:

    • L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la loro comunicazione in forma intelligibile.
    • L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
  • dell’origine dei dati personali;
  • delle finalità e modalità del trattamento;
  • della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
  • degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
  • dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
    • L’interessato ha diritto di ottenere:
  • l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
  • la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
  • l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
    • L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
  • per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
  • al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Titolare del trattamento dei dati è "Istituto di Istruzione Superiore Einaudi casaregis galilei di Genova - GE" - , -  Genova (GE)